sabato 30 settembre 2023

Riflessioni...

 "Un banchiere è uno che ti presta il suo ombrello quando c'è il sole,
ma lo rivuole indietro appena inizia a piovere"


Mark Twain
(Florida, Missouri USA 1835 - Redding, Connecticut USA 1910) 

* * * * * * * * * * * * * * * * * * *

Per la musica qualcosa di gradevole e divertente
come la Sinfonia n°1 ("La Classica") di S. Prokofiev
che avevo già postato tempo fa


Alondra de la Parra dirige
l'Orchestra Sinfonica della Radio di Francoforte

Grazie per le visite
e buon fine settimana

venerdì 22 settembre 2023

Riflessioni...

 "La Conoscenza è imparare qualcosa ogni giorno
La Saggezza è lasciar andare qualcosa ogni giorno
E se hai ragione non hai bisogno di gridare"

Proverbi Zen


Per la musica vi propongo "Water Down The Gange"


La musica è di Prem Joshua

Sedetevi tranquilli in poltrona 
e mentre ascoltate la musica
lasciate andar via i cattivi pensieri

Grazie per le visite
e Buon Fine Settimana


venerdì 15 settembre 2023

Burocrazia solo su appuntamento...

Sino a poco tempo fa se dovevi fare un cambio residenza, o rinnovare la carta di identità, si andava all'ufficio anagrafe del comune compilavi alcuni moduli e la pratica si risolveva nel giro di una settimana, o massimo dieci giorni...

...oggi non è più così, infatti per fare il cambio di residenza da Genova a Milano sono andato all'anagrafe del comune di Milano e appena entrato un dipendente del comune mi consegna un foglio dicendo "Qui ci sono le istruzioni per fissare un appuntamento online con l'anagrafe. Poi deve aspettare che l'ufficio le dia una risposta".

Era inizio maggio, vado online e il primo appuntamento disponibile è a metà giugno. Lo stesso operatore comunale mi consiglia di sbrigare tutto online. Ci provo, vado sul sito, riesco a compilare alcuni campi richiesti ma poi il server si blocca e non carica più alcun documento. Ci provo e riprovo non so quante volte, finché non ne posso più e compilo i moduli a mano consegnandoli a metà giugno.

Di fatto, consegnati i moduli, sarei già residente a Milano ma manca la certificazione del messo comunale che deve passare da casa a verificare che abito nell'immobile indicato nei documenti.

I giorni passano e non si fa vedere nessuno. Scrivo online all'ufficio Anagrafe segnalando che sto per partire per le vacanze ma nessuno mi risponde. Parto per le vacanze e a metà luglio ricevo una mail, con tante scuse, e l'ufficio anagrafe mi dice che nella zona dove abito a Milano i messi comunali andati in pensione non sono stati ancora sostituiti da nuovo personale. Tutto viene rimandato alla prima settimana di settembre.

Torno dalle vacanze, arriva il messo comunale e certifica la mia residenza. Quindi per portare a termine questa pratica ci sono voluti più di quattro mesi (e siamo nella efficiente città di Milano).

Adesso devo fare la prima immatricolazione per il servizio sanitario. Vado nella ASL, entro e vengo immediatamente bloccato da una guardia giurata che mi dice "Deve fissare l'appuntamento online" e mi consegna un foglio con le istruzioni. Gli sportelli sono lì a pochi metri e sono vuoti o c'è poca gente. Gli chiedo se posso almeno andare a chiedere altre informazioni, ma la guardia giurata con modo deciso neanche mi fa entrare nel salone. Riesco a fissare l'appuntamento online per la prossima settimana, e mi è andata anche bene...

...Ora, io immagino una persona anziana, sola, che non capisce niente di computer. Come fa una persona anziana a fare tutte queste cose? Fortunati sono i nonni che hanno i nipoti o figli che se la cavano su queste cose, ma mica tutti hanno questa possibilità.

Oggi come oggi se devi rinnovare la patente devi fissare l'appuntamento online, se vuoi aprire un contro in banca devi fissare l'appuntamento online, se vuoi andare in qualche ufficio pubblico devi fissare l'appuntamento online...

Tuttavia l'altro giorno leggo su un giornale che un ministro e un dirigente della regione Lombardia si vantano di aver ridotto le code agli sportelli... 

Consoliamoci con la musica

Vi propongo "Alborada del Gracioso" di M. Ravel
al pianoforte André Laplante

Grazie a tutti per le visite

giovedì 7 settembre 2023

Giuliano Montaldo se ne è andato a 93 anni...

Sempre gentile, cordiale, simpatico, mai sopra le righe ma non solo. Era un uomo controcorrente, contro la guerra e contro la violenza di qualsiasi genere. Questo era Giuliano Montaldo che di recente se ne è andato alla bella età di 93 anni. Un regista che per più di 70 anni ha lavorato con tutti i grandi del cinema italiano e internazionale. Nella foto recente qui in basso con l'inseparabile moglie Vera Pescarolo che per 60 anni ha lavorato con lui in tanti film.


Il suo film "Sacco e Vanzetti" del 1971 ebbe successo ovunque nel mondo a tal punto che nel 1977 un gruppo di studenti universitari di Boston, dopo ulteriori  ricerche, presentarono al Governatore del Massachusetts Michael Dukakis la richiesta di riabilitazione per Sacco e Vanzetti e lo stesso anno, con una cerimonia ufficiale, il Governatore riconobbe il grave errore commesso.

Sono sicuro che molti di voi ricorderanno Joan Baez (fortemente voluta da Giuliano Montaldo) che canta il brano principale del film (lei è l'autrice del testo) messo in musica da Ennio Morricone.

RAI3 qualche giorno fa ha dedicato un bel programma speciale a lui e alla moglie che vi consiglio di vedere.

Addio, grazie per tutto quello che hai fatto e riposa in pace

lunedì 4 settembre 2023

Il Tran Tran Quotidiano...

Le vacanze sono finite ed ho aspettato qualche giorno, dopo il rientro a Milano, prima di scrivere qualcosa sul blog. Per fortuna il clima è migliorato perché a Milano tira una bella arietta fresca e di notte si riesce a dormire.

Tuttavia quest'anno le vacanze sono state veramente belle e speciali lassù in Val Serina a quasi 900 metri d'altezza in mezzo a montagne, spazi verdi, pecore e mucche in transumanza (con i loro proprietari) aria pulita, cieli tersi, persone gentili (come gli abitanti di quelle zone), bontà culinarie e feste locali.

Ma soprattutto ciò che ho apprezzato di più è la pace, la calma e il silenzio notturno che c'è in quelle zone. Raramente usavo il computer, televisione poca o niente. Di recente c'è stata una luna piena da spettacolo (e non esagero) perché si trovava nel punto della sua orbita più vicina al nostro pianeta.

Milano non è ancora a pieno ritmo. Lo si vede da tante cose. Ampi parcheggi liberi in vari quartieri, negozi chiusi (ancora per qualche giorno) e la sera si vedono strade mezze vuote. Il mio vicino mi ha detto che ad agosto (quindi non più di dieci giorni fa) c'era stato un tale caldo che le piante del palazzo erano completamente secche anche se venivano puntualmente bagnate con acqua.

Spesso la fine dell'estate la associo alla fine dell'anno, anche perché nel giro di poco tempo verrà l'autunno e il tempo freddo. 

E quindi per la musica ecco il "Claire de Lune"
(leggete la nota nel link) per pianoforte
di Claude Debussy dalla sua suite Bergamasque



Purtroppo ho letto che è mancato il blogger Alberto. Aveva 79 anni ed era malato già da un po' di tempo. Mi è dispiaciuto molto per tanti motivi. Lui era del Ponente Ligure non distante da Bordighera, io sono di Genova. Negli anni '80 e '90 ho passato tanti periodi di lavoro nel sud della Francia (da Nizza a Tolosa fra le altre) e avevo una casa nella vallata che da Bordighera entra nell'entroterra ligure. Alberto aveva conosciuto e frequentato lo scrittore Francesco Biamonti, molto amico di Italo Calvino il quale lo presentò alla sua casa editrice (Einaudi) ed ha scritto alcuni libri veramente belli e particolari come "L'Angelo di Avrigue" ambientato proprio lì nel ponente ligure. Alberto gli aveva dedicato uno spazio web interessante.

Anch'io, a suo tempo, avevo conosciuto F. Biamonti nel paesino del ponente ligure dove viveva in mezzo a tanta natura, bellezze locali e la solitudine che lui amava molto perché era una persona schiva, fuori dai dettami di mercato del mondo letterario ed evitava in tutti i modi la città.

Addio Alberto, mi dispiace molto della tua scomparsa.
Mi mancherai...riposa in pace 

Grazie a tutti per le visite
Ci rileggiamo prossimamente

Pausa Estiva...

 "La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci" Isaac Asimov una sua foto un po' inedita * * * * * * * * * * * * * * * * ...