sabato 19 novembre 2022

Esterno Notte

Con tre milioni di telespettatori per ognuna delle sei puntate, "Esterno Notte" (un film del 2022 di Marco Bellocchio dedicato alla morte di Aldo Moro) ha avuto senza dubbio un buon successo. 

Anch'io come tanti altri italiani ho visto le sei puntate di Esterno Notte ed ho molto apprezzato questo film, in tutto e per tutto. D'altra parte Marco Bellocchio è un grande regista che ha saputo farci vedere questa triste e tremenda vicenda da vari punti di vista. 

Nella prima puntata ci sono i fatti, nella seconda puntata c'è il dramma vissuto da Francesco Cossiga (Ministro dell'Interno dell'epoca) molto legato ad Aldo Moro tanto che la moglie dello statista, in modo molto chiaro, glielo rinfaccia ("Ricordati: è stato Aldo Moro a creare Francesco Cossiga in politica"). Poi c'è la puntata in cui viene spiegata la visione di Papa Paolo VI e i suoi tentativi di liberarlo (con i servizi segreti italiani che addirittura ascoltano le sue telefonate e lo spiavano). Nel quarto episodio Bellocchio cerca di spiegare la visione dei terroristi, nel quinto c'è la famiglia (in particolare Eleonora, moglie di Aldo Moro, che ha provato in tutti i modi di salvare il marito, e Maria Fida Moro una delle figlie) che insieme all'ultima puntata ("La Fine" centrato sulla figura dello statista) sono gli episodi più intensi.

All'epoca del fatti vivevo a Genova e avevo 18 anni. A Genova il terrorismo ha picchiato duro (come a Torino, Milano, Roma e altre città italiane). C'era un senso di paura in città e basti pensare (solo per citare alcuni casi) al Procuratore Generale della Repubblica di Genova Francesco Coco che fu ucciso come un cane l'8 giugno 1976 mentre tornava a casa insieme ai due agenti della scorta Giovanni Saponara e Antioco Deiana. La morte di Guido Rossa il 24 gennaio 1979, sindacalista ucciso perché denunciò le infiltrazioni terroristiche nel sindacato e la sua testimonianza contro il brigatista Francesco Berardi. Ma ci fu anche il caso del magistrato e politico Mario Sossi, rapito il 18 aprile 1974 e rilasciato il 23 maggio dello stesso anni. Si sospettava che per il rilascio fu pagato un riscatto e la famiglia Moro contestò questo fatto a Giulio Andreotti tramite la moglie Eleonora che gli disse: "Per Sossi si è pagato un riscatto, per Aldo Moro invece niente".

Ma in quegli stessi anni, nonostante il terrorismo, ci sono state delle riforme che l'Italia non aveva mai visto in precedenza. Ne ricordo alcune come il nuovo Statuto dei Lavoratori del Prof. Gino Giugni sulla tutela e dignità dei lavoratori, la legge sul divorzio e il successivo referendum, il diritto di voto ai diciottenni, la legge sull'aborto del 22 maggio 1978 che per la prima volta disciplinava l'accesso all'aborto invece della mammane, la riforma del nuovo diritto di famiglia del 19 maggio 1975. Tutte riforme che speriamo che oggi non vengano calpestate da qualche nuova legge reazionaria varata con decreti legge.

Sempre all'interno delle sei puntate ci sono varie indicazioni sul ruolo che gli USA hanno avuto in tutta questa vicenda (guarda anche questo link youtube), oltre ai tanti sospetti che lo stesso Aldo Moro aveva su alcune parti della massoneria e servizi segreti deviati che esistono da anni, e di cui si sono interessati anche alcuni magistrati.

Regia, produzione e tutto il cast di grande livello. Eccezionali Fabrizio Gifuni nel ruolo di Aldo Moro (la somiglianza è notevole) e Margerita Buy nel ruolo della moglie Eleonora, poi tutti gli altri attori molto bravi e convincenti nei loro ruoli.  

Ci sarebbe ancora tanto altro da dire, ma direi che così è già abbastanza 

Per la musica vi propongo "Dignità"
di Francesco De Gregori canta Bob Dylan


Grazie per le visite
e buon fine settimana a tutti

6 commenti:

  1. Aldo Moro dava fastidio alla CIA e al KGB perché voleva realizzare una coalizione di governo tra democristiani e comunisti in un momento difficile per l'Italia. L'hanno fatto ammazzare.
    Un salutone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gus, bentornato

      Sono i sospetti, o le realtà, a cui molti hanno pensato in quegli anni di guerra fredda. Nel video che inserito come link in pochi minuti viene spiegato l'avvertimento che Kissinger aveva fatto allo stesso Aldo Moro proseguendo nei suoi intenti politici di compromesso storico.

      Grazie per la visita e alla prossima

      Elimina
  2. Purtroppo non ho visto la serie, a suo tempo mi era piaciuto tantissimo "Buongiorno notte". Il caso Moro è importantissimo per capire la storia italiana degli ultimi 50 anni. Ho letto tanti libri sull'argomento e un'idea me la sono fatta ma gli interessi in gioco erano tantissimi quindi mi rimane ancora qualche dubbio. Sicuramente era una figura scomoda, come dimostra il fatto che in caso di liberazione l'avrebbero internato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao marcaval, bentornato

      Ho visto solo un pezzo di "Buongorno notte", ma bello anche quello. Aldo Moro lui e la sua famiglia hanno pagato un prezzo molto duro, sacrificato in nome di vergognosi interessi politici nazionali e non.

      "Esterno notte" lo si può rivedere con Rai Play.

      Grazie per la visita e un salutone

      Elimina
  3. Bellocchio, un regista che meriterebbe più fama per i suoi film e serie tv.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao rockpoeta, bentornato

      concordo con te è un regista che meriterebbe una maggior valorizzazione.

      Grazie per la visita e alla prossima

      Elimina

Wislawa Szymborska a Genova...

A Genova, Museo di Villa Croce , il 16 giugno si inaugura "La Gioia di Scrivere" una mostra per i cento anni della nascita di Wisl...